Gruppo Editori Prosit

Ragu del Cortile

In cibo e vino on novembre 6, 2008 at 9:04 am

ragu_cortile_ssl

Visto che fra un’oretta inizio un sette-giorni-di-peregrinazione che mi porterà prima per tre giorni ad Acuto poi per 4 a Torino (a proposito, ma ci si vede a Torino? :-), vi lascio, prima di partire e come di consuetudine, una ricetta sciuésciué. E anche una delle ultime ricette dei prossimi trenta giorni, credo, visto che sto praticamente per abandonnare la mia buona vecchia cucina (si fa per dire!) mentre quella nuova arriverà fra un mesetto…

Salone del Gusto

In Mostre e Eventi on novembre 6, 2008 at 9:03 am

1. Il Salone: bolgia maxima, non c’è che dire, afflusso mostruoso coadiuvato dalla mancanza di aria condizionata, insomma, per sopravivere al salone, meglio starsene fuori… Tuttavvia un paio di piacerissimi: l’igloo di lavazza (una specie di frappé a base di un mucchio di ghiaccio, latte e caffe, frullato, una libidine fresca e leggera nonostante l’aspetto starbucksiano… :-), gli ‘apprendisti mugnai’ del mulino marino, Corrado Assenza, e la sua megadegustazione di marmellate (ho amato follemente quella di albicocche, di pompelmo rosa, i suoi torroni e la crema di mandorla tostata), Davide Dutto e il suo splendido Ibleide fresco di stampa, i cremini fior di sale di Guido Gobino ecc

Pauillac

In Tasting, Vini Esteri on novembre 6, 2008 at 9:02 am

A detta di molti, il vino può buono della serate  e quello che ha dato le emozioni più grandi. In effetti il 1990 è stata un’annata tra le migliori del fine ‘900 nel Medoc e non possiamo che confermarlo. Il vino al naso ricorda effettivamente la magia del terroir di Margaux e , se si ha avuto la possibilità di assaggiarlo, pare davvero di sentire un piccolo Chateau Margaux con il suo diffuso aroma di caffè misto a frutta di bosco finissima, sempre elegante ma intensa. E così è questo Prieurè Lichine, antichissimo possedimento dapprima ecclesiastico e passato di mano in mano fino a trovare stabilità solo negli ultimi 30 anni. Stabilità e classe che nel bicchiere significano grande estratto, materia viva e pulsante, frutta e spezie ben fuse insieme e persistenza commovente

dsc_0543b